"IL CAVALLO FUGGITO"
Young-Ja Cho

Cho Young-Ja é nata a Busan nel 1951.

Compie gli studi presso l'Università Hong-Ik di Seoul dove consegue il titolo di Bachelor of Fine Arts e quello di Master of Fine Arts. Nell'anno Accademico 76-77 è incaricata Research Assistant al Dipartimento di Scultura di quella Università. Nel 1981 soggiorna per un breve periodo in America (New York, Washington D.C, Los Angeles) e partecipa con l'associazione Scultrici Coreane ad un viaggio di studio in Europa. Le visite ai Musei delle città di Roma, Parigi, Londra, Francoforte e Oslo, la fanno riflettere sulle possibilità di apprendimento che le avrebbe offerto, per il contatto quotidiano con l'arte del passato e contemporanea, il soggiorno in una di quelle città. Nel 1983 si stabilisce in Italia. A Roma si iscrive alla Scuola delle Arti Ornamentali. L'anno successivo si trasferisce a Carrara e frequenta il corso di scultura presso l'Accademia di Belle Arti, diplomandosi nel 1987. Gli interessi della sua ricerca artistica la portano a frequentare dal 1987 al 1989, i corsi di Archeologia dell'Università di Bologna (casa Traversari-Ravenna) e dell'Università di Trieste (Casa Bertoli-Aquileia). Dal 1974 partecipa a manifestazioni nazionali e internazionali ottenendo premi e riconoscimenti. Sue opere figurano in molteplici raccolte pubbliche e private in Italia, Francia, Principato di Monaco, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Svizzera, Germania, Corea e U.S.A, tra le quali il National Museum of Women in Arts di Washington, il National Musem of Contemporary di Seoul, il museo del Bronzetto Dantesco di Ravenna, il Forum Artis Museum di Montese.

Del suo lavoro hanno scritto i critici: Mariano Apa, Ferruccio Battolini, Antonio Bernieri, Enrico Buda, Luciano Caprile, Gianni Cavazini, Enrico Crispolti, Floriano De Santi, Massimo Duranti, Francesco Gallo, Claudio Giumelli, Bok-Young Kim, Young-Jae Kim, Lara Vinca Masini, Nicola Micieli, Mario Monteverdi, Kwan-Su Oh, Luisa Perrone, Settimia Ricci, Pier Carlo Santini, Bang-Hun Sin, Sung-Rok Sue, Cinzia Staforte, June-Sang Yu.